menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

Al via #EmergenSea - Ognuno di noi può fare qualcosa per difendere il mare

Per contrastare l'abbandono dei rifiuti parte la nuova campagna di Marevivo a bordo di navi, negli stabilimenti balneari, nei marina e club velici

L’unico modo per contrastare l’inquinamento del mare è essere coscienti e attivi in prima persona, facendo quei piccoli gesti, anche semplici, che diventano però decisivi, una volta moltiplicati nel tempo. Ecco perché Marevivo lancia #EmergenSea, la nuova campagna di sensibilizzazione e informazione a bordo di navi, nelle marine, sugli stabilimenti balneari, presso i club velici, il cui claim è “Ognuno di noi può fare qualcosa per difendere il mare”. Raccogliere e riciclare sono infatti gesti di responsabilità che contribuiscono a salvare il nostro mare. 

Ogni anno, nel mondo vengono prodotte 280 milioni di tonnellate di plastica e, secondo diversi studi, si stima che oltre il 10% finisca in mare. E’ come se, ogni minuto, un camion versasse il suo contenuto di rifiuti nelle acque. Si prevede che nel 2050 le tonnellate prodotte diventeranno 400 milioni.

Ogni giorno, 200 milioni di mozziconi di sigarette, che impiegano fino a 5 anni per decomporsi, vengono gettati nell’ambiente.

L’anidride carbonica prodotta da un giorno di condizionatore è pari a quella che producono tre corse di un autobus in una grande città e spesso si lascia con leggerezza il climatizzatore acceso anche quando non si occupano le stanze.

Sono dati che possono sconfortare, invece Marevivo, impegnata a contrastare l’inquinamento dal 1985 e che, in questi mesi, sta portando avanti una campagna contro la marine litter “Mare mostro”, non vuole arrendersi, anzi rilancia.­­ Quest’estate arriva #EmergenSea per mettere in evidenza come i rifiuti possono diventare una risorsa.

“RICICLA, RIDUCI, RIUSA” è uno degli slogan utilizzati nel video prodotto grazie al supporto di SIPA SPA

Lo stesso messaggio è presente nel materiale informativo distribuito a bordo delle navi e negli esercizi aderenti all’iniziativa. Vengono evidenziati i piccoli gesti e comportamenti virtuosi da tenere per contribuire a salvaguardare l’ambiente e il mare:

  • Gettare i rifiuti solo dove è consentito e non disperderli nell’ambiente
  • Riciclare e recuperare
  • Risparmiare le risorse
  • Consumare in maniera responsabile
  • Avere comportamenti corretti in spiaggia rispettando la Natura

Attualmente nel mondo solo il 14% della plastica viene riciclato, quando non lo facciamo il 32% della plastica prodotta finisce nel nostro ecosistema.

“Solo attuando un’economia circolare, con azioni concrete come quelle del recupero e del riciclo di tutti i rifiuti prodotti della nostra civiltà, si potrà sperare di arrestare l’inquinamento che sta distruggendo il nostro mare, mettendo a rischio la sopravvivenza dell’uomo sul pianeta”, spiega Rosalba Giugni, presidente di Marevivo. Il mare infatti è il polmone blu della Terra, produce l'80% dell'ossigeno e assorbe 1/3 dell'anidride carbonica, solo quando è in buona salute"

Partner della campagna è Corepla, il Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclaggio ed il recupero degli imballaggi in plastica. Inoltre hanno già aderito per le marine Marinedì Group e le compagnie di navigazione Caronte & Tourist, Grandi Navi Veloci, Grimaldi Lines, SNAV, tese a nutrire, attraverso le loro politiche aziendali, una sensibilità crescente verso l’ambiente e il mare, inteso come una risorsa da difendere.

A bordo delle navi e dei traghetti e nelle marine che aderiscono sarà possibile trovare i materiali informativi e su alcune imbarcazioni, inoltre, saranno presenti macchine compattatrici per bottiglie di plastica e lattine che separano e compattano i materiali rendendoli pronti per il riciclo. In questo modo si faciliterà lo smaltimento dei prodotti che potranno essere più agevolmente conferiti a seconda delle situazioni, direttamente ai Comuni o alle industrie di trasformazione, contribuendo ad eliminare il rischio della loro dispersione nell’ambiente.

“Nel 2017 contiamo di raccogliere oltre un milione di tonnellate di imballaggi in plastica. Possiamo veramente essere orgogliosi di questi numeri e di un sistema che ha scelto, tra i primi in Europa, di estendere la raccolta e il riciclo a tutti gli imballaggi in plastica, su tutto il territorio nazionale – sottolinea Antonello Ciotti presidente Corepla e aggiunge – La plastica è un materiale ricco di ricerca e innovazione, basta pensare all’uso che se ne fa nel settore sanitario, nell’information technology, nella protezione igienica di cibi e merci. Aderiamo all’iniziativa di Marevivo per sottolineare quanto spreco di risorse e quanta inciviltà ci sia nel gettare la plastica in mare che, se raccolta e riciclata, produce invece nuova materia prima, nuove imprese e nuove economie”.

 “Abbiamo deciso di aderire alla campagna di Marevivo #EmergenSea per la tutela del mare e sono diverse le iniziative della Caronte & Tourist in tal senso. Il nostro gruppo ha ricevuto dal Rina e dal Sincert la certificazione ISO 14001 che attesta che il sistema di gestione è conforme alla normativa europea in tema di tutela ambientale – ha dichiarato Lorenzo Matacena amministratore del Gruppo e vicepresidente di Caronte & Tourist Isole minori. Inoltre il gruppo ha commissionato a un cantiere turco una nuova nave, già in costruzione, con un sistema di propulsione innovativo in quanto predisposto a essere alimentato a LNG, il gas naturale liquefatto, carburante a bassissimo impatto ambientale”.

Il tema dei rifiuti di bordo è un tema per noi estremamente rilevante – ha dichiarato Matteo Catani, Amministratore Delegato di GNV Grandi Navi Veloci oltre ad applicare il SISTRI, il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, abbiamo adottato procedure interne e tecnologie, già attive su due unità della flotta, che consentono di trattare il rifiuto umido direttamente a bordo ricavandone Biocompost inerte. La sensibilizzazione dei passeggeri anche attraverso attività come #EmergenSea di Marevivo amplifica gli impatti positivi della nostra gestione. Più in generale, nella direzione dell’ecosostenibilità, auspichiamo che azioni di sensibilizzazione collettiva proseguano e si creino condizioni normative che consentano l’adozione su larga scala di nuove tecnologie e comportamenti virtuosi anche nel campo dei carburanti alternativi, come ad esempio l’LNG”.

E' importante per il Gruppo Grimaldi poter contribuire e sostenere programmi di salvaguardia della fauna e flora marina nel Mediterraneo. Siamo lieti di collaborare attivamente con Marevivo a questa nuova iniziativa, a dimostrazione della politica di salvaguardia ambientale promossa dal nostro Gruppo", dichiara Paul Kyprianou, Responsabile Relazioni Esterne del Gruppo Grimaldi.

La sostenibilità ambientale e sociale è la rotta che tutti noi che lavoriamo con il mare dobbiamo intraprendere – spiega Raffaele Aiello, Amministratore Delegato di Snav - per questo abbiamo deciso di partecipare ad #EmergenSea. La nostra Compagnia di navigazione già da tempo sta lavorando su progetti di unità veloci a propulsione a LNG con il preciso intento di adottare soluzioni sempre sostenibili per il traffico marittimo e nel rispetto del mare”.

Il Gruppo Marinedi – ha dichiarato l’Amministratore Unico, ing. Renato Marconiè da sempre molto attento e sensibile alla protezione dell’ecosistema marino, tanto che quotidianamente promuove nei Marina del proprio Network la pulizia degli specchi acquei portuali con asportazione e corretto smaltimento di plastiche e polistirolo galleggiante. Oltre a ciò sta sviluppando da anni tecniche di smaltimento “intelligente” e differenziato dei rifiuti prodotti in ambito portuale. Proprio in tale ottica Marinedi ha voluto aderire a questa Campagna al fine di sensibilizzare ancor di più la propria Clientela a difesa del Mare e dell’Ambiente marino.”

Ufficio Stampa Marevivo

063202949 - 3381090669