menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

Ancora un intervento di Marevivo ....

Ancora un intervento di Marevivo per una delle più belle perle del Mediterraneo: Ponza
Questa volta  a far scattare l’azione di denuncia dell’Associazione Ambientalista Marevivo è stato lo scempio che si sta perpetrando sulla bella spiaggia del Frontone dell’Isola di Ponza: costruzioni abusive in calcestruzzo a pochi metri dal mare e muri di cemento sulla spiaggia, in barba a tutte le leggi che tutelano la costa italiana.
“Siamo ormai al terzo intervento che ci vede impegnati nella difesa di uno dei territori più preziosi del nostro paese” dice l’Avv. Guido Cerruti, Vicepresidente di Marevivo.
L’Associazione ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica nel 2003 per i numerosi scarichi fognari nella zona de Le Forne che inquinano una località molto frequentata e dove è consentita la balneazione; nel 2005 ha messo in atto un’ulteriore azione giudiziaria per arrestare il prelievo di massi a pochi metri di profondità a Punta Fieno usati per costruire una scogliera a Cala Feola, lavoro che ha prodotto una desertificazione dei fondali ed un pericolo di stabilità della zona montuosa sovrastante.
“Cosa sta succedendo nel posto di mare più frequentato e amato dai romani? La pressione antropica se non ben regolata rischia di distruggere un bene irriproducibile” dice Rosalba Giugni, Presidente di Marevivo. “La nostra attenzione è massima e metteremo in campo tutte le energie e le professionalità che fanno parte del nostro sodalizio”.