menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

Cassonetti, passeggini, ma soprattutto 1,5 quintali di batterie esauste nel fondale del porto di Formia

Presentati da Marevivo e Cobat i risultati della giornata di recupero
dei rifiuti nell’area di Molo Azzurra nell’ambito
della campagna “Niente leghe sotto i mari”

Marevivo e Cobat per il Porto di Formia
Mattinata di festa, oggi, al Porto di Formia in occasione della giornata di recupero dei rifiuti dal fondale del porto promossa da Marevivo e Cobat nell’ambito della campagna “Niente leghe sotto i mari”, realizzata in collaborazione con il Comando Generale delle Capitanerie di Porto e con il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. La giornata di monitoraggio del fondale, effettuata dalla divisione subacquea dell’associazione ambientalista il 26 aprile scorso, aveva evidenziato una situazione di forte degrado del Porto nell’area di Molo Azzurra: erano infatti stati individuate numerose batterie esauste – particolarmente pericolose per il loro contenuto di piombo e acido solforico – insieme a rifiuti in plastica, vetro, metallo ed oggetti di varia provenienza (bicicletta, motorino, cassonetti per i rifiuti, WC, un passeggino da neonato).

I risultati della giornata di recupero
Con il presidio della Capitaneria di Porto di Formia questa mattina l’area è stata nuovamente interdetta alla navigazione ed i 18 sub volontari di Marevivo hanno portato a termine il loro lavoro di recupero i cui risultati possono essere così sintetizzati:
• 10 batterie al piombo esauste, per un peso totale di circa 1,5 quintali
• 1 cassonetto per la raccolta dei rifiuti
• 9 pneumatici per auto
• 2 sedie in plastica
• 1 gavitello per l’ancoraggio delle barche
• 2 passeggini da neonato
• 8 cassette in plastica
• 18 nasse
• 25 bottiglie in vetro
• 20 bottiglie in plastica
• 10 taniche in metallo
• 1 ancora, reti, cime da pesca e cordame vario.
Accanto a questi, sono anche altri gli oggetti curiosamente ritrovati sul fondale: scarpe, padelle, caffettiere e marmitte, tracce di quotidianità spicciola che compromettono gravemente lo stato dell’habitat marino.

Ritrovato anche un residuato bellico
L’operazione di scandaglio del fondale per l’azione di recupero ha portato anche al ritrovamento di un ordigno bellico sul fondale, che i sub hanno provveduto immediatamente a segnalare alla Capitaneria che stava sovrintendendo alle operazioni. L’area è stata immediatamente delimitata e posta sotto presidio da parte della Capitaneria stessa, che attiverà le necessarie procedure per il recupero in condizioni di sicurezza.

L’importanza del recupero delle batterie esauste
Ma tra i rifiuti individuati e recuperati le batterie esauste disperse in mare rappresentano certamente il rischio maggiore di inquinamento per l’habitat martino, ma anche per la salute umana.
Infatti, l’acqua costituisce un pericoloso veicolo di dispersione del contenuto di sostanze inquinanti presenti al suo interno (piombo ed acido solforico) favorendo il loro ingresso nella catena alimentare marina con fenomeni di bioaccumulo, che rappresentano un grave rischio per la salute umana.

Occasione di formazione e sensibilizzazione
La tappa di “Niente leghe sotto i mari” è stata anche occasione di sensibilizzazione dei cittadini e dei giovani in particolare sul tema della protezione del mare: circa 200 ragazzi delle scuole elementari e medie di Formia hanno potuto visitare l’area del porto e seguire le attività delle squadre di sub sotto la guida degli esperti Cobat e di Marevivo, mentre materiali informativi sono stati distribuiti ai cittadini per una sempre più capillare informazione sul contributo che tutti possono dare alla protezione dell’ambiente.

Presenti Gianfranco Fini e Giorgia Meloni
L’intervento di recupero ha potuto contare anche sul contributo di due ospiti d’eccezione: l’on. Gianfranco Fini, e l’on. Giorgia Meloni si sono immersi nelle acque del porto ed hanno concretamente partecipato al recupero dei rifiuti. Inoltre, l’on. Fini si è intrattenuto nell’area di accoglienza delle scuole ed ha scambiato alcune battute con i ragazzi presenti.

Massimo Giovanchelli, Assessore all’Ambiente Provincia di Latina
“Non posso che esprimere grande soddisfazione per la giornata di oggi – ha affermato Massimo Giovanchelli – visto il grande coinvolgimento dei cittadini e per la collaborazione manifestata da parte delle istituzioni, coinvolte verso l’obiettivo comune della tutela dell’ambiente marino. La presenza delle scuole del comune di Formia testimonia, inoltre, l’impegno dell’amministrazione provinciale per la formazione della coscienza ambientale nelle nuove generazioni, perché è importante lavorare per migliorare l’oggi, ma soprattutto progettare un diverso e migliore futuro”.

Enrico Paone, Ass. Ambiente Comune di Formia
“Oggi abbiamo assistito ad una bella festa – ha affermato Enrico Paone – anche se il recupero dei rifiuti che è stato effettuato testimonia una scarsa attenzione all’ambiente e, in particolare, all’ecosistema marino. Vorrei che i prossimi incontri, dato il grande coinvolgimento dei cittadini, possano invece festeggiare fondali puliti, grazie all’attenzione e al contributo di tutti”.

Giancarlo Morandi, Presidente Cobat
“Mantenendo fede all’impegno annunciato – ha affermato Giancarlo Morandi – questa giornata ha dato un contributo concreto per il recupero dell’area portuale, ma ha costituito anche un’importante occasione di sensibilizzazione dei cittadini e degli stessi utenti del mare, sotto gli occhi dei quali si sono svolte le attività dei sub. Un doppio obiettivo centrato che rappresenta un esempio del modo di operare del Cobat, sempre impegnato sul duplice fronte dell’azione e della educazione, a partire delle generazioni più giovani”.

Rosalba Giugni, Presidente Marevivo
“La prima tappa di recupero – ha sottolineato Rosalba Giugni – ha dato esito positivo grazie al grande coinvolgimento dei cittadini, delle istituzioni e dei parlamentari; un giusto entusiasmo che rappresenta anche un incoraggiamento per le prossime tappe che ci vedranno impegnati, il 3 giugno a Lipari. Non ci sarà, quindi, più tregua per chi continua ad inquinare il nostro splendido tappeto blu”.

UFFICIO STAMPA MAREVIVO
Laura Gentile
06 3222565
laura.gentile@marevivo.it

UFFICIO STAMPA COBAT
Maria Luisa De Petris: 06 441640335 -
335 5640826 depetrism@hkgaia.com
Valeria Capotondi: 06 441640305 -
340 1047473 - uffstampa@hkgaia.com

UFFICIO STAMPA PROVINCIA DI LATINA
Everardo Longarini
335 1020459
redazione@provincialatina.tv