menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

Delfinario di Rimini, Lav e Marevivo diffidano il Sindaco: non si aggiri la legge con una autorizzazione locale

APPELLO A MINISTRI AMBIENTE E BENI CULTURALI: IL DELFINARIO DI RIMINI NON HA REQUISITI PER DETENERE ANIMALI - SI PROCEDA ALLA CHIUSURA 

LAV e Marevivo hanno inviato per mezzo del proprio ufficio legale una diffida al Sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, affinché non venga aggirato il provvedimento di chiusura del Delfinario di Rimini disposto con Decreto del Ministro dell’Ambiente.
Il provvedimento era stato emanato perché il Delfinario era stato ritenuto non idoneo alla concessione della licenza di giardino zoologico ai sensi del Decreto Legislativo 73/2005, e quindi inadatto a detenere animali di qualunque specie.

“Nessuna licenza di spettacolo viaggiante può e deve consentire la riapertura di una struttura per la quale la Magistratura, fino all’ultimo grado di giudizio della Cassazione, ha disposto il sequestro dei delfini per condizioni incompatibili di detenzione – spiega la LAV – . Il Ministero dell’Ambiente, inoltre, ha verificato l’insussistenza dei requisiti per detenere animali per l’esposizione al pubblico”.

Il Delfinario di Rimini fu chiuso la scorsa estate in seguito al sequestro preventivo - disposto dalla Procura di Rimini - dei quattro delfini presenti nella struttura, per i quali le indagini del Servizio Cites del Corpo Forestale dello Stato evidenziarono gravissime condizioni di detenzione.

Il sequestro preventivo fu poi confermato a marzo di quest’anno dalla Corte di Cassazione, che rigettò il ricorso presentato dalla società titolare del Delfinario, stabilendo che le informazioni raccolte dalla Magistratura e della Polizia Giudiziaria erano sufficienti a prefigurare la necessità del sequestro ed il fumus del reato di maltrattamento.

LAV e Marevivo fanno appello al Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, e al Ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, affinché si proceda alla  chiusura definitiva del Delfinario di Rimini, confermando la piena inapplicabilità della norma sui circhi incredibilmente invocata dalla struttura per poter riaprire i battenti con altri animali.


Ufficio Stampa LAV 06 4461325 – 329 0398535 www.lav.it
Ufficio Stampa Marevivo tel. 06 3222565 – 338 1090669 www.marevivo.it