menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

Discarica Corcolle-Villa Adriana: Scelta rovinosa - Perché questo accanimento su Corcolle?

“Assolutamente rovinoso il parere espresso ieri dal Consiglio dei Ministri a proposito del progetto della discarica di Corcolle - Villa Adriana”, così si esprime Rosalba Giugni, presidente dell’associazione Marevivo.  

Qualora la scelta del sito per la discarica di Roma ricadesse su Corcolle, oltre ad oltraggiare un’area archeologica patrimonio dell’umanità, ci sarebbero purtroppo tutti i presupposti per inquinare la falda acquifera.

Si tratta di percolato, che potrebbe facilmente raggiungere i corpi idrici sotterranei, transitando tra le fratture del cappellaccio roccioso, che fungerà da base per sostenere la guaina di contenimento. “È inutile nascondersi dietro un dito – ribadisce la presidente di Marevivo - e non riconoscere che non c’è nessuno che possa onestamente garantire l’integrità di tale guaina con i lavori di movimentazione, distribuzione e compattazione dei rifiuti che dovranno essere effettuati all’interno della futura discarica. I contaminanti da percolato, quindi, dopo aver inquinato le risorse idriche locali, non avranno difficoltà a sversarsi nell’Aniene, poi nel Tevere ed infine in mare”.

Il problema è complesso e non di facile soluzione ma, dato che la democrazia si basa su una comunicazione esauriente, Marevivo chiede alle autorità di far conoscere e divulgare ai cittadini e ai mass media tutti i punti forti ed quelli deboli delle varie ipotesi di progetto e le prove che hanno fatto preferire Corcolle rispetto ad altre soluzioni.

Si segnala anche che Marevivo aveva in precedenza espresso pieno appoggio alla coraggiosa posizione che i Ministri Clini e Ornaghi hanno preso nei confronti del progetto.

Ufficio Stampa Marevivo
063202949-3381090669