menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

Esemplari balenottere avvistati al largo di Lampedusa

E' iniziato da pochi giorni nelle acque circostanti l'arcipelago delle Pelagie quello che si può definire il grande "pasto" delle balenottere comuni. Circa 2 miglia a est di Lampedusa, quattro esemplari di balena, e tra queste anche un piccolo, sono state avvistati dai biologi e operatori dell'area marina protetta "Isole Pelagie". Le balenottere comuni, che si nutrono di zooplancton, erano intente a "banchettare" di questi piccolissimi invertebrati.

E' l'alta concentrazione dei crostacei nel periodo febbraio-aprile ad attirare le balene fin sotto le coste di Lampedusa consentendo di monitorare il loro passaggio ed ammirare le evoluzioni dei giganteschi cetacei durante l'alimentazione: gli animali compiono movimenti circolari spingendo e concentrando il plancton verso la superficie, quindi, con la bocca spalancata, si avventano sulle prede uscendo dall'acqua con le mandibole gonfie d'acqua all'inverosimile. La natura offre uno spettacolo di estasi e fascino in quest'area del Mediterraneo ricca di biodiversità marina e dove specie emblema degli sforzi di conservazione come le balenottere comuni nuotano sovrane nelle acque del nostro mare.

Fabio Galluzzo

Notizia da www.agrigentonotizie.it