menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

Golfo di Napoli: Marevivo, la Protezione civile e i sindaci a confronto con la Commissione Ambiente del Senato

La Commissione Ambiente del Senato da un lato, Marevivo, i sindaci e la Protezione civile dall’altro. Per tutta la giornata di ieri si sono messi a lavoro con un unico obiettivo: salvare il Golfo di Napoli dall’inquinamento. Un impegno che è culminato nell’incontro del tardo pomeriggio nella sede della Prefettura di Napoli, nel quale il presidente di Marevivo Rosalba Giugni, l’ing. Bruno Orrico della Protezione Civile della Campania e l’avv. Vito Garzilli in rappresentanza dei sindaci del Golfo, hanno presentato alla Commissione Ambiente i risultati della riunione che si è svolta poche ore prima a Sorrento. Nell’incontro, che si è tenuto nella Sala Consiliare grazie all’ospitalità del sindaco Marco Fiorentino, è stata stilata una lista di sette interventi da completare immediatamente per la mitigazione dell’inquinamento delle acque del Golfo di Napoli.
La  nostra sfida – spiega Rosalba Giugni – è fare tutto il possibile affinché vengano realizzati entro la prossima estate. Lo stato si salute del mare è preoccupante e non si può più aspettare”. Gli interventi riguardano, tra gli altri, i depuratori di Capri, Ischia e Procida, quello di Napoli Est, l’impianto alla foce dei fiume Sarno e il sistema di collettori di Acerra e Cuma. I sindaci della costiera sorrentina e dell’area di Punta Campanella spingono affinché venga terminato il depuratore di Punta Gradella, mentre quelli di Forio e Lacco Ameno a Ischia chiedono interventi immediati su impianti ormai obsoleti. Il sindaco di Anacapri ha invece presentato un progetto che consentirebbe di utilizzare le acque reflue del depuratore per l’irrigazione.
Nell’incontro di Sorrento, il secondo promosso da Marevivo, è stata costituita una vera e propria task force composta dall’associazione ambientalista, i sindaci della costa, la Protezione civile e gli imprenditori della zona – erano presenti, tra gli altri, Tonino Cacace del Capri Palace, Gianfranco Morgano del Quisisana, il presidente di Federalberghi Campania Costanzo Iaccarino e il presidente del Consorzio Albergatori della Penisola Sorrentina Gaetano Mauro -  per monitorare l’avanzamento dei lavori. “Portare a regime l’interno sistema di depurazione del Golfo – spiega Bruno Orrico – è un obiettivo raggiungibile in tempi brevi e con costi contenuti, perché in molti casi si tratta solo di far funzionare meglio opere praticamente già realizzate”. Il presidente della Commissione Ambiente di Palazzo Madama Antonio D’Alì e la senatrice Diana De Feo sono stati invitati alla prossimo incontro organizzato da Marevivo e dalla Protezione civile che si terrà il 16 gennaio grazie all’ospitalità offerta dai sindaci di Ischia. 

Ufficio Stampa MAREVIVO
Patrizia Renzetti
340/8505381  347/0562316
ufficiostampa@marevivo.it