menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

L'intelligenza artificiale per monitorare la salute dei nostri mari

L'intelligenza artificiale per monitorare la salute dei nostri mari

Un’intelligenza artificiale ci consentirà di contare la quantità di specie marine e di monitorare automaticamente le sue variazioni. È quanto scritto su Scientific Report da un team internazionale di ricercatori coordinato dall’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Imar) di La Spezia, in collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), l’Università Politecnica della Catalogna ed il Consiglio superiore di ricerca scientifica spagnolo (Csic).

«La tecnica messa a punto si basa su un insieme di processi matematici che permettono ai computer di imparare a riconoscere e contare in modo automatico le specie marine fotografate nel loro ambiente naturale», spiega Simone Marini di Cnr-Ismar. «L’applicazione di questi algoritmi su migliaia di immagini dimostra come il metodo possa essere utilizzato per tracciare in maniera affidabile le variazioni temporali di abbondanza di pesci in diverse condizioni». 

Questa tecnica è già disponibile e permetterà di analizzare in modo intelligente, continuo ed automatico grandi quantità di immagini subacquee, consentendo nuovi approcci anche alla conservazione della biodiversità. In questo modo avremo la possibilità di ampliare la capacità di osservazione e di monitoraggio dello stato di salute dei nostri mari.