menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

MAREVIVO: più sicurezza in mare e giro di vite contro l’aumento indiscriminato del traffico marittimo

“Il tragico incidente avvenuto ieri nello stretto di Messina ci porta nuovamente a puntare il dito contro l’eccessivo aumento del traffico marittimo - dichiara Rosalba Giugni, Presidente di Marevivo - senza che, a fronte dei notevoli vantaggi economici per gli armatori, ci sia un’adeguata politica di prevenzione dagli incidenti e di attenzione all’ambiente. Continuiamo con incoscienza ad ignorare che tutto il bacino mediterraneo già attualmente vive stress fortissimi per lo straordinario livello di concentrazione dei traffici marittimi e che il fattore sicurezza e quello ambientale risentono pesantemente di questa situazione”.

Marevivo con la sua campagna internazionale sulle Autostrade del Mare, da anni si batte per l’attivazione di alcune azioni di prevenzione quali il rafforzamento di sistemi atti a garantire la sicurezza della navigazione (VTS, VTMIS, GALILEO, SafeSeaNet, etc.); il costante monitoraggio del traffico a fini preventivi soprattutto nelle aree e nei bacini a più elevato rischio (Adriatico-Ionio, Canale di Sicilia, Egeo, Alto Tirreno–Arco Ligure Provenzale, Mediterraneo Sud-Occidentale); l’aumento dei controlli e delle ispezioni a bordo delle navi in porto (Port State Control); la verifica del livello di professionalità degli equipaggi.

“Quanto accaduto ieri, purtroppo, – conclude Rosalba Giugni - ci costringe a fare i conti con la realtà che vie d’acqua sempre più affollate necessitano di assoluta attenzione e di una pianificazione sinergica fra tutti i soggetti  che in esse operano”. 

Marevivo
06.3202949