menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

ONG e pescatori artigianali si uniscono per la pesca sostenibile

BRUSSELS — Oggi pescatori artigianali e i gruppi della società civile si incontrano a Bruxelles per consegnare al Parlamento europeo, alla Commissione europea e alla Presidenza del Consiglio una Dichiarazione che chiede, attraverso la Riforma della Politica Comune della Pesca (PCP), di garantire una pesca europea sostenibile.
Più di 158 gruppi provenienti da 17 Stati Membri hanno sottoscritto una Dichiarazione in vista dell’audizione che si terrà al Parlamento europeo l'11 ottobre sull’impatto che la Proposta di Riforma della PCP avrà sui pescatori artigianali. La maggior parte dei pescatori dell'UE sono costieri e artigianali e spesso lavorano in modo meno intensivo, utilizzando una serie di metodi di pesca, diversi a secondo delle stagioni e ad impatto relativamente basso sull'ambiente marino, contribuendo allo stesso tempo all'economia costiera e regionale.
 "La nuova PCP deve fermare la pesca eccessiva e premiare coloro che pescano in modo  ambientalmente e socialmente più responsabile, dando loro un accesso preferenziale alle risorse ittiche", ha dichiarato Serena Maso,  coordinatore nazionale di OCEAN2012  “Nonostante i pescatori artigianali siano fortemente legati al tessuto sociale, economico e culturale delle comunità costiere, sono stati trascurati dalla Commissione nel percorso di Riforma di una PCP attenta alla quantità piuttosto che alla qualità ".
La Dichiarazione invita i deputati a riformare la PCP affinché:
1. fornisca l'accesso prioritario alle risorse ittiche a coloro che pescano nel modo più sostenibile, ambientalmente e socialmente, come articolato nella relazione del Parlamento europeo in risposta al Libro Verde sulla Riforma della PCP;

2. non imponga Concessioni di Pesca Trasferibili agli Stati Membri, ma offra una gamma di strumenti per la gestione dell'accesso alle opportunità di pesca;

3. inserisca delle precise scadenze per lo sviluppo e l'adozione di Piani pluriennali;

4. stabilisca dei protocolli chiari per evitare conflitti tra i diversi soggetti che utilizzano stock ittici comuni o zone di pesca comuni.
"La Commissione europea prevede che, nei prossimi dieci anni, il 60 per cento dei posti di lavoro nel settore della pesca dell'UE andranno persi", ha concluso  Serena Maso, coordinatore nazionale di OCEAN2012. "E se non cambierà qualcosa, la maggior parte di questi posti di lavoro riguarderanno il settore artigianale. Siamo qui a Bruxelles perché le nostre voci vengano ascoltate e per dire ai decisori politici che hanno l’opportunità di optare per una PCP che consenta una pesca ambientalmente e socialmente sostenibile, se ci daranno ascolto".

Mike Walker   + 32 476 622575
Ufficio Stampa Marevivo + 39 063202949