menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

Unione Europea, un segnale positivo nella lotta all’inquinamento da plastica

Unione Europea, un segnale positivo nella lotta all’inquinamento da plastica

L’industria europea dell’acqua in bottiglia (Efbw) punta ad un’economia più circolare e green: le imprese hanno lanciato un programma per aumentare la raccolta di bottiglie in Pet e l’utilizzo di Pet riciclato, con lo scopo di utilizzare entro il 2025 almeno il 25% della plastica riciclata.

 

Un passo in avanti nella lotta all’inquinamento da plastica che Marevivo conduce da anni con le sue campagne, tra cui #EmergenSea e “Mare Mostro”. Una corretta informazione e la promozione di attività in difesa del Pianeta sono, infatti, fondamentali per fare la differenza in larga scala, e questa ne è la dimostrazione. Con le sue iniziative Marevivo mira alla sensibilizzazione sui temi ambientali che, diventando la priorità dei singoli cittadini, arrivano a far parte dell’agenda di governi, istituzioni ed organizzazioni internazionali.

 

Un altro segnale positivo arriva anche dalla proposta dell’Unione Europea di mettere al bando piatti e posate di plastica e di ridurre la produzione di recipienti usa e getta per alimenti. Due misure, queste, presenti nella direttiva sulla “riduzione dell’inquinamento da plastica” che sarà presentata alla Commissione Europea a fine maggio.

 

Anche in questo caso Marevivo è sempre stata in prima linea, promuovendo la legge contro le microplastiche nei cosmetici e i bastoncini dei cotton fioc in plastica e con la campagna #EcoCannucce, che invita i proprietari di attività commerciali a rinunciare alle cannucce di plastica. Grazie all’impegno collettivo di tutti coloro che supportano l’associazione e all’adozione di iniziative europee come quelle proposte, la lotta all’inquinamento marino potrebbe avere presto delle armi di difesa in più.