menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

Archivio

200 'Delfini' alleati di Marevivo a guardia di Capri

Da oggi Marevivo ha dei nuovi, giovani ed indispensabili alleati nella battaglia in difesa del mare e dei suoi abitanti: sono i 'Delfini Guardiani dell'isola di Capri'.Nel 25° anniversario della fondazione di Marevivo, circa 200, tra ragazzi e ragazze, allievi delle scuole di Capri ed Anacapri sono stati formati dagli operatori dell'Associazione, presenti sull'Isola, nel corso di un intero anno scolastico, al fianco dei docenti che hanno accettato di aderire all'iniziativa, per sensibilizzare ...

continua

Consegna attestati Delfini guardiani ...

Il progetto Delfini Guardiani dell’Isola di Capri è stato realizzato con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – MIUR, del Comune della Città di Capri e del Comune di Anacapri. Marevivo ringrazia per la preziosa collaborazione: la Guardia Costiera, il Corpo Forestale Dello Stato, lo Yacht Club Capri, l’Associazione Sub CAPRI, gli ...

continua

REGOLAMENTO MEDITERRANEO, LE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE LANCIANO L’ALLARME: E’ INACCETTABILE OGNI NUOVA RICHIESTA DI DEROGHE!

I rappresentanti delle associazioni ambientaliste Greenpeace, Lav,  Legambiente, Marevivo e WWF si dichiarano assolutamente contrari ad ogni possibilità di deroghe alle misure previste nel Regolamento Mediterraneo, che stabilisce un sistema di sfruttamento sostenibile delle risorse ittiche e di tutela di habitat e specie protette. Il Regolamento, adottato dall’UE nel lontano 2006, dopo un lungo e approfondito dibattito durato ben 6 anni che ha coinvolto tutti gli Stati membri ...

continua


ESEMPLARE DI SQUALO ELEFANTE – UNA SPECIE A RISCHIO DI ESTINZIONE – PESCATO IN ITALIA

Shark Alliance esprime rammarico per la notizia relativa alla cattura di un esemplare di cetorino (Cetorhinus maximus), comunemente conosciuto con il nome di squalo elefante, finito oggi accidentalmente nellle maglie di un peschereccio italiano nella zona di Ospedaletti (IM). L’esemplare, una femmina giovane e immatura della grandezza di oltre 4 metri di lunghezza e 4 quintali di peso -  è un’enorme ed innocuo filtratore di plancton - un tempo comune e diffuso nel Mediterraneo  ...

continua


Conferenza nazionale per la biodiversità

Università degli Studi di Roma "Sapienza" Aula Magna del Rettorato20-21-22 maggio 2010 Il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in collaborazione con l'Università degli Studi di Roma "Sapienza organizzano la Conferenza nazionale per la biodiversità.Il 22 maggio 2010, dalle ore 10.00 alle ore 13.00, presso l'Aula Magna, verrà presentata, alla presenza del Presidente della Repubblica, la Stragia Nazionale per la Biodiversità. Chiunque ...

continua

IL MARE ALZA LA VOCE

Il mare ‘bolle’ sotto il peso del surriscaldamento del pianeta. Il mare ‘soffoca’, venendo meno alla sua funzione di polmone del pianeta. Il mare ‘piange’ le sue creature: 145 milioni di tonnellate di pesca  sottratte ogni anno da un esercito-killer di milioni di pescherecci.  Il mare ’affoga’ sotto  il peso di 600.000 tonnellate di petrolio ogni anno nel solo Mediterraneo. Il mare muore e lancia un grido d’aiuto Un grido ...

continua

IL MARE ALZA LA VOCE

Venerdì 14 maggio 2010, ore 11.00Sede galleggiante di Marevivo(Lungotevere A. da Brescia - Scalo de Pinedo) Chi avvelena il mare uccide il pianeta: manifestiamo per fermarli Ora basta. Il mare deve alzare e far sentire la propria la voce. La vicenda della piattaforma della Bp in Louisiana - ultimo, ma solo in ordine di tempo, attentato all'ecosistema - impone una forte presa di posizione a livello globale. MAREVIVO, a 25 anni dalla sua nascita e dopo un quarto di secolo di battaglie e impegno ...

continua

MAREVIVO: EVITARE UN’ALTRA LOUISIANA NEL MEDITERRANEO

MAREVIVO: EVITARE UN’ALTRA LOUISIANA NEL MEDITERRANEO“NO ALLE CONCESSIONI PER LA COLTIVAZIONE DI IDROCARBURI” “Quello che sta accadendo in Louisiana sia di monito anche per il nostro Paese”. Rosalba Giugni, Presidente di Marevivo, lancia un grido di allarme: “Il Mediterraneo rischia un disastro simile a quello del Golfo del Messico, questo a causa delle innumerevoli concessioni che permettono la ricerca e la coltivazione del petrolio in mare nelle nostre acque, ...

continua