POSIDONIA NO PARKING

Per salvare le grandi foreste di Posidonia oceanica, tutto l’impegno profuso fino ad ora da Marevivo non basta ancora.
Le praterie di Posidonia sono in regressione e continuano ad essere attaccate dagli scellerati comportamenti dell’uomo.
Ecco perché Marevivo, in collaborazione con UCINA e Lega Navale, ha deciso di lanciare “POSIDONIA NO PARKING”, una campagna di sensibilizzazione rivolta ai diportisti per arrestare la perdita del grande polmone verde del mare. 

 

COS’È LA POSIDONIA OCEANICA
La Posidonia oceanica è una pianta marina endemica del Mediterraneo, cioè si trova solamente lungo le rive di questo mare. Vive da meno quaranta cm fino a circa quaranta metri di profondità, spingendosi fino ai sessanta esclusivamente in acque molto limpide, perché strettamente condizionata dalla presenza della luce. La  Posidonia è un grande produttore di ossigeno. E’ particolarmente sensibile alle variazioni dei parametri ambientali quali l’inquinamento, la torbidità delle acque e le aggressioni legate alle attività umane ed è quindi
un indicatore biologico della qualità degli ambienti marini costieri.

L’IMPORTANZA DELLA POSIDONIA OCEANICA
La Posidonia rappresenta un ecosistema di elevatissimo valore ecologico, dalla cui tutela e salvaguardia derivano sostanziosi interessi economici che coinvolgono l’intera collettività, riassumibili in dati significativi.
Oltre ad offrire cibo e rifugio ad una grande quantità di organismi marini costituisce una straordinaria nursery per la riproduzione di numerose specie di pesci: un solo metro quadrato di prateria di Posidonia produce quattordici litri al giorno di ossigeno.
Le foglie della Posidonia, inoltre, rappresentano un potente sistema frenante per le onde e per le correnti: sono, infatti, capaci di dissipare per attrito il 60-70% dell’energia delle onde, contribuendo così in modo determinante all’azione di conservazione dei litorali che nel nostro Paese sono in erosione nell’ordine del 30%. Attualmente, i costi di ricostruzione delle spiagge mediante “ripascimento” raggiungono i 1.600-2.100 euro per metro lineare di fronte spiaggia.
Poiché si stima che in area turistica un metro quadro di spiaggia ha una resa economica tra 1.000 e 4.000 euro per anno, alla scomparsa di un metro di spessore della prateria, corrisponde l’arretramento di ben venti metri di arenile, con un danno economico dell’ordine di 20.000-80.000 euro/anno. Il costo della “riforestazione” di un metro quadro di prateria varia da 800 a 1.000 euro.

I PERICOLI PER LA POSIDONIA OCEANICA
Le praterie di Posidonia che, sino al secolo scorso circondavano con un’ampia cintura verde sottomarina le coste italiane, oggi sono in pericolo!
L’inquinamento, la cementificazione delle coste, la pesca a strascico condotta in modo illegale e gli ancoraggi
delle imbarcazioni sono tra le principali cause della progressiva riduzione delle “foreste sommerse”.

L’AZIONE DI MAREVIVO IN FAVORE DELLA POSIDONIA
Riconosciuta come uno degli habitat di maggiore importanza da un’apposita direttiva dell’Unione Europea, la
prateria di Posidonia beneficia di uno stato di protezione a livello europeo: tra i paesi mediterranei, Francia e
Spagna già da alcuni anni hanno sottoposto questa pianta a particolari misure di salvaguardia. In Italia,
Marevivo da oltre quindici anni sta portando avanti significative campagne ed iniziative per la tutela di questa
pianta.
1990 L’Associazione inizia il suo impegno in favore delle Praterie di Posidonia mettendo in atto un
esperimento di riforestazione prospiciente la spiaggia della Feniglia, con talee prelevate dal recupero di un
relitto romano nel golfo di Baratti.
1991 –“Operazione Posidonia”, Campagna Internazionale realizzata nei vari porti del Mediterraneo a bordo
delle navi scuola della Marina Militare Italiana Amerigo Vespucci e Palinuro per creare sensibilità e
consapevolezza della necessità di azioni sinergiche per la tutela della Posidonia oceanica.
Emissione nel 1991 di uno specifico francobollo e relativo annullo postale da parte del Ministero
delle Poste Italiane che ha voluto testimoniare a livello nazionale l’impegno di Marevivo per la tutela della
Posidonia oceanica.
Produzione di un filmato “I Pascoli del mare”, tradotto in tutte le lingue del Mare Nostrum, compreso
l’arabo. A seguito della campagna viene istituita una legge a favore della protezione della Posidonia in
Catalogna. Slogan: “Senza di lei il mare ha l’acqua alla gola, senza di lei la spiaggia si sente mancare, senza
di lei i pesci no sanno più che pesci pigliare”
Nel 1991, Marevivo sollecita il Parlamento per l’emanazione di una legge che riconosca anche in Italia la
necessità di proteggere la Posidonia oceanica.
Nel 1992/93 Marevivo con l’Università di Pisa conduce un innovativo esperimento di riproduzione in vitro di
piantine di Posidonia, successivamente coltivate nelle acque reflue della centrale elettrica di Tor Valdaliga e
quindi sistemate in mare per la riforestazione, all’esterno della centrale.
Nel 1995, a Barcellona, Marevivo lancia un appello a tutti i Paesi del Mediterraneo per la salvaguardia della
Posidonia, affinché venga istituita una legge internazionale per la sua protezione, durante la conferenza della
Parti Contraenti la Convenzione di Barcellona, a bordo del MAGNAGHI, nave della Marina Militare italiana,
presenti i Ministri dell’Ambiente del bacino Mediterraneo.
Nel 1997 Marevivo chiede al Governo italiano una legge per censire le praterie di Posidonia e per
programmare attività rivolte alla salvaguardia del prezioso ecosistema. Sostiene la proposta di legge,
approvata nel marzo 1998 (L. 426/98 “Nuovi interventi in campo ambientale”) che, tra le altre cose,
prevede la predisposizione di un “Programma nazionale di individuazione e valorizzazione della Posidonia
oceanica” che l’Associazione stessa ha successivamente coordinato dal 2000 al 2002.
Nel 2001 Marevivo sostiene la proposta di legge, approvata nel marzo 2001 (“Disposizioni in campo
ambientale”) che prevede cospicui fondi per completare i programmi di mappatura della Posidonia oceanica.

 

- Posidonia No Parking
- Gli amici della Posidonia
  © Copyright Marevivo 2004 - Note Legali  
   
 
MediaWave S.à r.l.
Associazione Ambientalista Marevivo
Lungotevere A. da Brescia
Scalo de Pinedo - 00196 Roma
Tel. 06 3202949 3222565 Fax 06 3222564